Se dovessimo definire cosa è lo “stile” o più propriamente l’atteggiamento Aristocratico, nessun concetto potrebbe adattarsi meglio di quello espresso da Giorgio Armani in una sua
intervista al Corriere della Sera nell’ Agosto del 1980, in cui disse: “lo stile è eleganza non stravaganza. L’importante è non farsi notare, ma ricordare”.

Spesso chi desidera farsi notare, in eventi mondani più o meno importanti, esibisce con fierezza stravaganti vestiti o accessori con l’intento di apparire e farsi notare. Come se vi fosse l’esigenza di imprimere nei ricordi dei presenti un’immagine indelebile di loro, per far memorizzare che c’erano. Un oggetto che è diventato un cliché per queste personalità ostentatrici è certamente l’automobile: linee moderne ed aggressive, sempre più veloce, sempre più rumorosa. Un mezzo eccellente per farsi notare.

Per chi volesse combattere questo stereotipo di pochezza, potrà trovar rifugio nel classico, affascinante mondo delle auto d’epoca. Poche altre macchine oltre alla magnifica Ferrari 250 GT “California” Passo Corto del 1960, possono adattarsi alla definizione che Giorgio Armani diede di stile. La sua idea di eleganza si ritrova in modo sublime tra le curve di questo gioiello del Cavallino Rampante. Ovviamente in pochi potranno permettersi questo gioiellino, il cui valore oscilla tra gli 8 e i 10 milioni di euro, ma spesso la raffinatezza, lo stile, si possono e si devono facilmente ritrovare in oggetti quotidiani e soprattutto nei comportamenti di chi li possiede.

Aristocrazia di maniere, non di blasone né di danaro.